Lettera del Governatore – Novembre 2021
martedì, 02 Novembre 2021

Carissimi Amici e Carissime Amiche,

To do good in the world.

Novembre è il mese dedicato alla Rotary Foundation. Sarebbe bello che tutti i Club dedicassero un po’ di tempo a questo argomento, soprattutto per sottolineare le numerose opportunità che vengono offerte per realizzare i nostri service a livello nazionale ed internazionale e per poter capire come utilizzarne appieno tutte le potenzialità.

L’aiuto della Fondazione permette di portare a termine progetti che superano le disponibilità dei singoli Club o dei gruppi di Club, consentendo di essere partecipi di stupende iniziative di servizio che si concretizzano in tutti i continenti, nelle sette aree focus.
Molta attenzione è riservata ai giovani: quest’anno molti progetti sono stati fermati causa Covid ma lo “Scambio Giovani”, forse, dopo il programma Polioplus, il più importante insieme al sostegno ai “Centri per la Pace”, sta ripartendo. Si riprendono i contatti e si inizia a intravedere la possibilità di ripresa dal luglio 2022: un grande segnale di continuità.

Il progetto Polioplus: è talmente rilevante che ha la necessità di continue connessioni per poter pensare a strategie da proporre ai soggetti coinvolti, mantenere i contatti, aggiornare la logistica e controllare gli effetti, cercando di riequilibrare le situazioni più difficili in aree non raggiungibili facilmente o pericolose per i volontari che si propongono, con encomiabile spirito umanitario.

Nel World Polio Day dello scorso 24 ottobre, come, in tutto l’anno rotariano, nei distretti di tutto il mondo, si sono svolte tantissime iniziative e manifestazioni con lo scopo di far conoscere il programma, il Rotary e favorire la raccolta fondi.

Sostenendo la Fondazione siamo sicuri che le nostre donazioni verranno spese in modo consapevole e rendicontate al centesimo. Nel 2020 la Fondazione ha erogato un totale di 361,533 milioni di USD in contributi.
Ho talvolta colto nei miei incontri, anche prima del mio anno di governatorato, qualche riserva circa le necessità amministrative e la richiesta di una rendicontazione “bizantina”, ritenuta talvolta eccessivamente burocratica; ciò però, è necessario per poter gestire al meglio la crescente attività degli importi. Centinaia di migliaia di dollari ogni anno con precise regole e scadenze che richiedono maggiori attenzioni a livello locale. Pur ammettendo che la rendicontazione può impegnare parecchio, sono anche convinta che sia un modesto prezzo da pagare in confronto ai benefici che ne derivano.

La Fondazione va sostenuta, perché sostiene i Club nel perseguimento dei loro obiettivi. Il programma “Every Rotarian, Every Year” invita ad un contributo minimo di 100 USD per ognuno di noi ma il nostro Distretto, ogni anno, contribuisce con donazioni molto maggiori e di questo dobbiamo essere orgogliosi. Nel nostro 2032 il fundraising è vissuto come un momento di giocosa aggregazione e non come una tassazione un po’ spiacevole… e ciò non è per nulla scontato.

Siamo consapevoli che quanto viene versato è messo a fruttare e poi interamente restituito, senza interessi, ai Distretti di tutto il mondo ed erogati in proporzione alla capacità di pensare a progetti di service.

Il Rotary si caratterizza per attività di Civic Work e non per beneficenza, non mi stancherò mai di ripeterlo, ma questo donare è una pratica virtuosa che coinvolge i rotariani di tutto il mondo nella consapevolezza che la Rotary Foundation è una delle più apprezzate nel mondo, e riconosciuta da Charity Navigator con 4 stelle.

Purtroppo, per i numerosi e bellissimi progetti finanziati, la nostra Fondazione è stata vittima del suo stesso successo. È stato perciò necessario ripensare ad una riduzione dei contributi erogabili e le sovvenzioni non potranno più essere pari al 100% come negli anni passati ma sono comunque cospicue e permettono grandi risultati.

Dal 1º aprile 2019, la Fondazione Rotary ha introdotto nuovi tipi di sovvenzioni il fondo in “Risposta ai Disastri” che offrono il finanziamento per gli sforzi di soccorso e recupero nelle aree colpite e le “Sovvenzioni per Programmi di Grande Portata” su base competitiva, per rispondere a un’esigenza identificata dalle comunità.  Ogni anno, un progetto approvato riceverà 2milioni di dollari dal Fondo Mondiale della Fondazione Rotary.

Rivolgo, infine, un pensiero al nostro Presidente Internazionale Mehta, che ci ricorda che in tutte le iniziative della Rotary Foundation si può leggere la vera essenza del motto di quest’anno: “SERVE TO CHANGE LIVES”.

Con emozione rotariana.