Amiche e Amici Rotariani carissimi,

è con estremo piacere che torno a rivolgermi a Voi a conclusione di un mese denso di contatti e di scambi di informazioni che mi hanno dato ulteriore motivazione per proseguire al meglio l’attività di servizio.

Il mese di Luglio mi ha consentito di raggiungere in modalità telematica tutti i 42 Club del Distretto e di avere un’idea precisa di come i Club, nessuno escluso, abbiano recepito la necessità di individuare, in anticipo rispetto all’inizio dell’Anno Rotariano 2020-21, le linee guida a cui affidare l’attività dei rispettivi Club.
Durante le visite abbiamo parlato di service, di leadership, di comunicazione, di immagine del Rotary, di Fondazione Rotary e soprattutto di mantenimento e di crescita dell’effettivo.

Il mese di Agosto è dedicato, dal calendario rotariano, proprio all’effettivo ed allo sviluppo di nuovi Club.
Su questa tematica ci siamo confrontati con estrema trasparenza, prendendo a base il piano strategico del Rotary International che pone, quale priorità, l’obiettivo di ampliare la nostra portata, cioè di sviluppare e diversificare il nostro effettivo e la partecipazione.

Il messaggio, in tema di effettivo, che il Presidente Internazionale Holger Knaack ha affidato a tutti i Governatori degli oltre 530 Distretti esistenti a livello mondiale, è stato totalmente condiviso e assimilato dai Club del Distretto 2032. Posso quindi affermare, con ragionevole certezza, che verranno seguite le indicazioni di:

  • dare la massima attenzione, per aumentare l’effettivo, ai giovani professionisti, agli ex rotaractiani ed agli alumni;
    favorire l’ingresso di Soci di genere femminile e di agevolare il loro inserimento in posizioni di responsabilità dirigenziale;
  • verificare sempre che i candidati proposti abbiano ben compreso gli scopi del Rotary e i valori su cui si basa la filosofia di vita del sodalizio;
  • privilegiare la qualità dei nuovi Soci rispetto alla quantità degli stessi: non esiste infatti, per l’Anno Rotariano 2020-21, nessun obiettivo numerico di crescita;
  • aumentare il coinvolgimento dei Soci attraverso un programma di service che utilizzi la loro professionalità e li stimoli a dare il loro sostegno/apporto personale.

Il tema di sviluppare nuovi Club è stato affrontato in modo più marginale e comunque è emersa l’intenzione di alcuni Club di studiare il territorio e le rispettive comunità per verificare le condizioni minime atte a crearne nuovi con la formula del Club satellite, del Club tradizionale o di Rotaract Club. L’obiettivo minimo del Distretto è quello di creare almeno un nuovo Club Rotary o Rotaract.

Quello che auspicavo nella lettera di Luglio e cioè di passare velocemente all’azione, non ho dubbi, verrà attuato grazie ad una programmazione efficace, ricca di spunti e soprattutto vicina alle reali esigenze dei territori e delle comunità.

Ricordiamoci che la cosa bella di essere rotariani è di aiutare chi rotariano non è.

Nell’augurarVi un sereno mese di Agosto, Vi abbraccio.